📁
Volgograd Viaggiare in Russia a VolgogradVolgograd
Viaggio a Volgograd

Vita notturna

Per tutti quelli della “febbre del sabato sera”, apriamo questo breve spezzone, per parlare di ciò che offre la città durante il fine settima, però prima di incominciare spendiamo quattro parole di introduzione per far rientrare l’argomento in un contesto più comprensibile. Volgograd al contrario di altre città visitate ad est, offre una miriade di opportunità durante il giorno, per intenderci non è la città classica dove uno aspettando il calar della sera, gira avanti indietro senza concludere nulla. Sappiamo benissimo che nessun italiano (ma nemmeno russo, almeno si spera!) va la sera in discoteca per ascoltare la musica; In realtà la discoteca è quel luogo in cui si ha qualche opportunità in più per conoscere gente, scambiarsi i numeri di telefono, allacciare rapporti e socializzare. Volgograd offre tutte queste opportunità durante il giorno, quindi la sera capita raramente di girare per i locali notturni come dei “pellegrini”, anzi ci si ritrova sovente a passeggiare in qualche posto carino dopo essere usciti da teatro con una amicizia nata sul posto.
La vita notturna tuttavia esiste e si fa sentire! Incominciamo col dire che non ci sono locali di alto livello come per esempio quelli riscontrati ad Omsk (città compatibile per numero di abitanti), una segnalazione la meritano i disco-club Pirania e Ibisa. Se parliamo di Pirania specifichiamo subito che il livello è per quelli del posto, alto, mentre per chi viene da fuori se dobbiamo fare un paragono mi viene in mente il Taifun a San Pietroburgo o una specie di piccolo Lider (ovvero livello estremamente basso), ma questo locale (come altri in città) pur nella sua semplicità riserva qualche cosa che manca sia a Kiev che a San Pietroburgo come anche nelle altre principali mete europee del “turismo sessuale”: Supponiamo per un momento che siete entrati in discoteca ad occhi chiusi ed incominciate ad immaginare come dovrebbe essere la ragazza dei vostri sogni, alla creatura più graziosa che natura possa aver creato, alla figura femminile più armoniosa ed angelica che possa esistere sulla faccia della terra! Ora aprite gli occhi, ed eccovi immersi in un locale con circa 700 persone e tra la quantità spuntano una dozzina di ragazze bellissime che nelle fattezze superano qualsiasi immaginazione! In realtà ragazze con queste fattezze ci sono anche a Mosca, San Pietroburgo e via discorrendo, tuttavia che credete? Di incontrarle in discoteca? Chi di voi ad est ha già viaggiato diverse volte avrà sicuramente intuito che dietro ai vetri scuri delle possenti ammiraglia e limousine si celano stupende ragazze, ma si tratta di un lusso non alla portata di tutti, mentre qui a Volgograd noi occidentali non siamo delle persone comuni, ma paragonabili ad entità sbarcate da un UFO, dei soggetti che se saranno in grado di giocarsi le proprie carte in maniera corretta, gli sarà concesso l’inverosimile! Chi è stato a Kiev o San Pietroburgo prima del finire degli anni novanta sa benissimo di cosa stiamo parlando perché lì, la situazione era analoga: A San Pietroburgo per via del forte boom economico che ha coinvolto i punti clou della Russia, le bellezze locali si sono dirottate nei giri delle persone che contano, mentre a Kiev da quando hanno tolto il regime dei visti per gli europei, le bellezze più appariscenti sono state tutte rastrellate, ora la città pullula di pellegrini che ancora tentano di rastrellare tra quello che è rimasto, ma siamo già alla seconda e terza scelta (che comunque rispetto ai canoni italiani, sempre bellezze sono!), e andando su certi livelli si parla spesso di sesso mercenario.
Ibisa invece è un locale che nello stile possiamo definire tranquillamente come “ben curato”, ricrea nella fattura quei paesaggi di case imbiancate a calce che si vedono nei film western all’italiana; Un locale così, posto in una delle nostre località di mare, attirerebbe sicuramente moltissima gente. Questo locale, rispetto al Pirania ha un target più giovane (fatta eccezione per l’area ristorante), dando un occhiata ai prezzi delle consumazioni, ci accorgiamo che sono notevolmente bassi, probabilmente il fatto che sia un locale economico, lo ha portato a specializzarsi su una clientela giovane (in prevalenza studenti universitari), tanto per fare un paragone con una località a noi nota, l’utenza di questi locali e simile a quella del Metro Club e del Monroe a San Pietroburgo.
Tutti i locali da noi esaminati, si sono rivelati ben forniti in fatto di consumazioni, per esempio la sambuca (non proprio popolare in Russia) la abbiamo trovata ovunque.
Parlando sempre di vita notturna, per i più giovani segnaliamo che nello stabile dell’università d’arte (al numero 5 della via Mira) di sera il sabato e il venerdì viene allestita una specie di discoteca dove è relativamente facile intrufolarsi.
Argomenti nella stessa categoria